venerdì 20 aprile 2018

Trattativa Stato-mafia , i PM avevano ragione

Oggi venti aprile 2018, a Palermo è stata scritta una pagina di storia. La corte di Assise del Tribunale ha confermato le accuse dei PM della Procura ed hanno  confermato che la trattativa stato-mafia c' è stata e che, attraverso il cofondatore di Forza Italia Marcello dell' Utri, la mafia ha continuato a dialogare e trattare con Silvio Berlusconi  che dal 1994 al 2011 presiederá 4 Governi della  durata complessiva di oltre 9 anni (3.340 giorni)

Insomma i giudici hanno certificato quelli che molti sostenevano da decenni. Forza Italia è nata grazie alla appoggio di cosa nostra ,  ed il famoso cappotto del 61  a O alle politiche del 2001,  fu  agevolato da questo questo connubio.

La Trazzera si unisce al coro di ringraziamenti verso la Procura di Palermo che attraverso il suoi magistrati Di Matteo, Teresi, Del Bene e Tartaglia, ha lavorato duramente (e pericolisamente) per ben 5 anni riuscendo a mettere in luce molti dei  misteri che hanno accompagnato il passaggio dalla prima alla seconda repubblica.
La pubblicazione della sentenza svelerá altri aspetti della trattativa.

mercoledì 18 aprile 2018

Una donna uccisa ogni 60 ore. 18 vittime dall'inizio dell'anno

Una donna uccisa, in media, ogni 60 ore. Resta impressionante, nonostante il trend in lieve calo, il numero dei casi di femminicidio nel nostro Paese, 3mila dal 2000 ad oggi: secondo l'Eures, dopo l'incremento dai 142 casi del 2015 ai 150 del 2016, l'anno scorso - ma il dato è ancora provvisorio - si è scesi a 140, cui vanno aggiunti i 27 di quest'anno. 
A colpire, considerato il costante calo del numero assoluto di omicidi volontari in Italia, è anche il fatto che l'incidenza di vittime di sesso femminile sia salita dal 26,4% del 2000 al 37,1% di due anni fa, la più elevata di sempre in assoluto. In realtà, in mancanza di una precisa identificazione normativa del reato, le statistiche delle donne uccise in quanto donne presentano delle diversità anche notevoli: sicuramente la stragrande maggioranza dei casi - l'81%, secondo i dati del Viminale - avviene tra le mura domestiche o in contesti di parentela, e nel 46% dei casi è il partner o l'ex partner a vestire i panni del killer.
La distribuzione territoriale appare sostanzialmente trasversale, con percentuali più alte, in termini assoluti, in Lombardia, Emilia-Romagna e Campania mentre in termini relativi, parametrati alla popolazione femminile residente, prevalgono Umbria, Calabria e ancora Campania.
Con riferimento all'età, ancora secondo l'Eures, l'indice di rischio più alto (5,9) riguarda le donne più anziane, davanti alle 25-34enni e alle 45-54enni: almeno un quarto dei 'femminicidi di coppia' ha una storia di pregresse violenze compiute dall'autore. Autore che, nel 44,6% dei casi, la futura vittima aveva denunciato senza tuttavia ottenere una qualche forma di protezione sufficiente a salvarle la vita.
Dalla relazione finale della Commissione di inchiesta sul femminicidio, approvata ai primi di marzo, emerge che il tragico fenomeno accomuna tutti i paesi occidentali. In Italia il tasso di omicidi di donne è di 0,5 ogni 100mila abitanti . Gli Usa presentano un valore 4 volte quello italiano, assieme a Paesi come Lettonia, Estonia, Lituania; il Canada, la Finlandia e la Germania un valore doppio; Grecia, Spagna e Portogallo un valore simile all'Italia

lunedì 16 aprile 2018

Frasi celebri


L’anti-intellettualismo è stato un costante tarlo che si è insinuato nella nostra vita politica e culturale, nutrito dall'idea sbagliata che in democrazia la nostra ignoranza valga quanto l'altrui conoscenza»

 isaac asimov

sabato 14 aprile 2018

Il Coro stonato e senza dubbi di giornalisti mediocri e conformisti

Il Coro dice: bisogna bombardare Assad che usa i gas contro i bambini. E i grandi giornalisti italiani latrano il loro ritornello senza provare nemmeno a capire.
Nessuno che provi a  indagare se non ci si trovi davanti all'ennesima montatura (ricordate il 2013?) dei simpatici "patrioti" siriani integralisti islamici e "terroristi moderati" (copyright Dipartimento di Stato Usa)

Del resto il coro non ha mai dubbi. Ha urlato, quasi più forte di Trump, invocando nuove sanzioni contro la Russia quando non si riesce ancora a trovare le prove che Mosca abbia a che fare veramente con l'attentato al gas nervino di Londra.

Ma i nostri grandi editorialisti sono fatti così. Negli ultimi anni hanno ripetuto senza batter ciglio le tesi di Washington annunciandoci a sorpresa "pericoli per la pace mondiale" che fino a un minuto prima erano stati tollerati o addirittura appoggiati e riveriti: Saddam, Gheddafi, Mubarak...

Allora uno dice: sono ideologicamente dipendenti dagli Usa, o meglio dal New York Times. Qualcuno più malizioso addirittura aggiunge: prendono soldi e regali dall'ambasciata, sono letteralmente venduti come quel tale complottista ( e questo è vero) che incassa regolarmente fior di mance dal Cremlino.

Stronzate. I nostri editorialisti sono
assolutamente integerrimi. Anche perché nessuno troverebbe utile corromperli.
Sono solo mediocri conformisti che preferiscono far parte di un coro piuttosto che azzardare tesi scomode o fare inchieste anche un filo controcorrente.

Molto meglio ripetere meccanicamente le tesi dei giornali Usa e concentrarsi su altre fondamentali attività giornalistiche.
Come l'infinito anniversario del caso Moro.

nicola lombardozzi

giovedì 12 aprile 2018

Juventus brillante, Mediaset faziosa, Buffon cafone

La Juve di Buffon gioca una splendida partita al Bernabeu e viene punita da un rigore al 93' quando ci si avviava ai tempi supplementari. Diciamo subito che il rigore non era dubbio, era netto, il fatto che Benatià abbia sfiorato il pallone non sugnifica nulla anche perchè questo tocco è avvenuto dopo la spinta che il difensore bianconero ha dato a Vazquez. Nella foto qui accanto, si vede (immagine a destra) il contato visto dall'arbitro. Il rigore appare nettissimo e l'arbito è stato corretto e coraggioso.

Comunque,  Juve eliminata e reazione pessima e cafona del presidente Agnelli e, soprattutto , del  grande Buffon che ha ripetutamente e pesantemente offeso il direttore di gara "è un animale" .." al posto del cuore ha un bidone di immondizia"

su pasaggio di CR7, Isco è in posizione regolare
Il Presidente , invece, si è scagliato contro il designatore (Collina) ed ha auspicato l'uso VAR con il quale, a suo avviso, il rigore non sarebbe stato assegnato.
Giudizi faziosi ed inaccettabili anche su Premium e Canale 5, senza contraddittorio.

Purtroppo nessuno ha fatto notare che il gol dell' 1 a 1 annullato al Real,  era regolare. Ma neanche un'immagine dell'episodio è stata mostrata. Nessuno, in tre ore di trasmissione, ha neppure citato  l' episodio.
Noi abbiamo rintracciato il fermo immagine su YouTube  e ve lo riproponiamo. Il fuorigioco di Isco (che poi segnerà) non c'è.

Con il VAR, sognato da Agnelli, il gol del pareggio sarebbe stato convalidato e la partita finiva lì.

pippo vinci


lunedì 9 aprile 2018

Governo: ci si avvia verso una nefasta soluzione

Quando è apparso chiaro il risultato delle ultime elezioni, ho pensato subito che la maggioranza era evidente: Centrodestra+Pd Renzi. Era una naturale continuazione di una tradizione ormai consolidata, anche se con percentuali diverse.
Poco impattano il crollo elettorale e le turbolenze interne al PD, poiché la grande maggioranza dei parlamentari sono stati nominati da Renzi, e quindi i numeri per la maggioranza sono garantiti sia alla Camera che al Senato.  Se per il partito è stata una disfatta, per il suo potere e quello del suo clan, la situazione è ideale: un enorme potere di influenza nei confronti del governo, senza doverne sopportare il peso. Anzi, potendone prendere eventualmente le distanze quando conveniente.
Quasi nessuno dei commentatori politici ha preso in considerazione questo scenario, forse obnubilati dal fatto che avendo la lega incassato più voti di Berlusconi, la guida e il potere del centrodestra fosse passato nelle mani di Salvini, e che questo fosse incompatibile col PD. Doppio errore.
Il Caimano sarà anche bollito, ma il potere mediatico e i soldi ce li ha sempre lui. Riguardo l’apparente antitesi fra il PD e la Lega, si dimentica che lo stomaco politico renziano è in grado di digerire di tutto, come ha ampiamente dimostrato.
Vorrei davvero sbagliare questa previsione, ma vedo davanti a noi qualche altra settimana di macerazione finchè la situazione sarà tale da imporre un governo di emergenza. A quel punto, in nome del senso dello Stato, verrà costituito un nuovo, poderoso inciucio. Al banchetto si dovrà fare più posto alla Lega, ma al solito, ce ne sarà per tutti. 

il pigafetta

domenica 8 aprile 2018

Si, Di Matteo è schierato: con la giustizia e la legalitá, contro la mafia e la corruzione

Il magistrato Nino di Matteo , partecipando ad un evento organizzato dal M5S a Ivrea,  è intervenuto pronunciando un discorso molto forte e deciso contro i mali che inquinano la vita politica, sociale, produttiva e culturale del nostro Paese impedendo allo stesso di progredire in ogni settore.

Di Matteo ha  parlato del gap morale che pervade ogni settore del nostro paese e delle faziose lacune del sistema giudiziario che assicura  alla classe dirigente ampi margini di impunitá. (leggi l' articolo sul fatto Quotidiano)

Per tutto questo il PM di Palermo è stato accusato di faziositá politica .

Falso!
Di  Matteo si è sicuramente schierato (e da molto tempo) ma contro corruzione, illegalitá, mafia , corruzione e informazione asservita asservita  ai potenti do turno Mentre chi si è veramente schierato politicamente sono proprio i criminali che in tal modo cercano l impunitå camuffandosi dietro la protezione di un partito, di una carica politica e di un elettorato complice o ignorante.

E, guarda caso, sono proprio questi signori che accusano il magistrato di faziositá

venerdì 6 aprile 2018

La bufala internazionale del caso Skripal. Dietrofront del laboratorio inglese

L’accusa del governo May a Mosca, di aver avvelenato l’ex spia Skripal e la figlia, si sta sgretolando. Rivelandosi per quella che è: una immane “fake news” di Stato, e magari un false flag mal riuscito. Ieri la notizia che il direttore di Porton Down (i laboratori militari britannici per le armi chimico-batteriologiche) ha ammesso: non abbiamo la prova che il Novichock usato (o che sarebbe stato usato) contro Skripal sia di origine russa.
Il punto è che il ministro degli Esteri britannico Boris Johnson aveva assicurato, in un tweet del 22 marzo e subito diffuso nel mondo, che “analisi  condotte al laboratorio di Scienza e Tecnologia Bellica di Porton Down da esperti di livello mondiale hanno appuratoche si tratta dell’agente nervino militare Novichok prodotto in Russia”. Insomma il governo aveva impegnato la parola dei suoi scienziati di fama mondiale senza averli interpellati, e prima che conducessero le indagini

Maurizio Blondet

Link:

Il giornale

La stampa

Il primato nazionale

giovedì 5 aprile 2018

Al voto al voto, una minaccia bluff

Siamo  da poco entrati  nella fase delle consultazioni del Presidente Mattarella che dovrebbero portare al conferimento di un incarico ed alla possibile formazione di un Governo. Fino ad oggi tutti i competitors non si spostano dalle loro posizioni e, non avendo nessuno di essi una maggioranza assoluta, minacciano di portare l'Italia a nuove elezioni qualora non venissero  accettate le  loro condizioni.

Ma la minaccia è un vero bluff, sia perchè il solo Mattarella può decidere se andare alle elezioni sia ( e soprattutto) perchè è difficile pensare che i tanti neo onorevoli possano rinunciare così facilmente ai sontuosi privilegi istituzionali .

La storia ,inoltre, ci dice che la legislatura più breve nella storia della Repubblica italiana durò ben 722 giorni e si concluse per il fenomeno denominato "tangentopoli" che coinvolse numerosi importanti parlamentari di quel periodo

lunedì 2 aprile 2018

Palermo, capitale della cultura e dell'inciviltá


Foto 1
 Le barriere architettoniche sono un grande problema per i disabili.

Ricordo che poco tempo fa un giornalista notò che,  a Berlino, c' erano molti disabili  in giro per la città, troppi. Si domandò quale terribile disgrazia avesse colpito recentemente la città tedesca. Infatti  la guerra si era conclusa da oltre 70 anni.

Scoprí, invece, che non c'era stato alcun fenomeno disastroso ed il numero di disabili era nella media. Con una differenza rispetto alle altre città : tutte, o quasi tutte, le barriere architettoniche erano state rimosse e i disabili uscivano come tutti gli altri cittadini non essendo più costretti a rimanere in casa
Foto 2

Palermo, capitale della cultura 2018: le foto  che vedete sono emblematiche. Ci troviamo in via Alcide de Gasperi a due passi dallo stadio Barbera dall'ospedale di  Villa Sofia e dalla sede regionale della Rai.

Il comune ha avuto la encomiabile idea di abbassare il marciapiede per consentire il passaggio dei disabili in
Foto 3
carrozzella; poi, però, ha pensato che la cosa  poteva trarre in inganno i turisti che avrebbero pensato di trovarsi a Berlino, con grave danno per le tradizioni locali ed il turismo (soprattutto tedesco) e hanno deciso di spostare le striscie pedonali, di piazzare  qua e lá delle vere ed inespugnabili barriere , insormontabili anche con l'aiuto di un accompagnatore. Aiuole con cordolo, transenne, buche, alberi....

Da premio Pritzker, infine, l'ideatore della soluzione mostrata nella foto 3; qui il genio ha previsto:
- a) striscie pedonali dislocate a sinistra del passaggio disabili;
- b) tombino infossato proprio davanti lo scivolo;
- c) aiuola con cordolo in pietra;
- d) albero lungo il cammino;
- e) pali qua e là.

Al  primo disabile che riuscirà a passare al di là degli ostacoli  il comune regalerà un soggiorno a Berlino. Ma come nella Spada nella roccia, nessuno ci è ancora riuscito. Si aspetta re Artù.
Foto 4

 Unico raro elemento di civiltá, visibile nella stessa  foto 3, il furgoncino bianco posteggiato dopo striscie e scivolo, non sopra o davanti. Una caduta di stile che si meriterebbe  una bella multa!
E quando il pubblico è assente, ecco venire in soccorso l'iniziativa  privata (foto 4)

pippo vinci

lunedì 26 marzo 2018

Sant'Agostino e le persecuzioni "giuste"

La storia dei crimini della Chiesa ha un suo illustrissimo e insospettabile "ideologo":  S Agostino.  Ecco un brano tratto dalla lettera che il santo scrisse al generale Bonifacio in vista  della repressione della eresia donatista in Africa nel 5° secolo d.c.

Dalla lettera n 185 di  S. Agostino a Bonifacio* 
Anno 417 dc

…… Domando inoltre: se i buoni e i santi non perseguitano alcuno, ma subiscono solo la persecuzione, di chi credono sia l'espressione del Salmo: Perseguiterò i miei nemici e li atterrerò e non mi volterò indietro finché non cadranno disfatti Se dunque vogliamo riconoscere e proclamare la verità, v'è una persecuzione ingiusta inflitta dagli empi alla Chiesa di Cristo e v'è una persecuzione giusta inflitta agli empi dalle Chiese di Cristo. Beata pertanto è questa che soffre la persecuzione a causa della giustizia ; miserabili al contrario essi che subiscono la persecuzione a causa dell'ingiustizia.

 La Chiesa pertanto perseguita spinta dall'amore, quelli invece spinti dal furore: questa per farli ravvedere, quelli per distruggere; questa per distogliere dall'errore, quelli per precipitare nell'errore; questa infine perseguita e arresta i suoi nemici affinché regrediscano dall'errore e progrediscano nella verità; essi invece, ricambiando male per bene , poiché ci preoccupiamo per la loro vita eterna, tentano di toglierci anche quella temporale, poiché amano l'omicidio al punto di compierlo contro se stessi, allorché non possono perpetrarlo contro altri. 

Come l'amore della Chiesa s'affanna a liberarli da tale perversione, affinché nessuno di essi vada incontro alla morte, così il loro furore s'affanna a uccider noi per saziar la libidine della loro crudeltà o anche ad uccidere se stessi per non dar l'impressione d'aver perduto il potere d'uccidere gli uomini…...

*Alto ufficiale romano in Africa, dove fu in rapporti con Agostino, a partire dalla morte dell'imperatore Costanzo III (421) 

sabato 24 marzo 2018

Era ora . La sinistra torna in parlamento

Roberto Fico (M5S)
Oggi alla camera dei deputati , è stato proclamato il nuovo presidente dell'assemblea.  È il pentastellato Fico.

Roberto Fico ha proclamato il suo discorso di insediamento.  E ho capito che si è avverato  il mio desiderio,  il mio sogno.  Fico è di sinistra ed il suo discorso è un  discorso di sinistrasinistra,  quella vera

Nulla a che fare con i vari D'Alema,  Bersani,  Renzi,  Civati,  Emiliano,  Fassino,  Orfini,  Errani,  Chiamparino,  Serracchiani,  Zingaretti , Occhetto,  Veltroni e via dicendo. E se i vertici del Movimento hanno scelto Fico per ricoprire il ruolo di terza carica dello Stato,  vuol dire che il Movimento é di sinistra

È vero che il Movimento raccoglie ex elettori delusi provenienti da più aree politiche (la maggior parte , comunque,  di sinistra) ,  ed é anche vero che spesso i partiti di maggioranza  lasciano alla minoranza interna la carica di presidente di una camera (in passato è successo con  Fini e Bertinotti)  ma quello che ha detto Fico  è un chiaro messaggio.  Ed è come se avesse annunciato :noi siamo di sinistra ed attueremo politiche di sinistra. Io,  Presidente della Camera,  ne sarò garanteEvviva :) 

pippo vinci

mercoledì 21 marzo 2018

Frasi celebri

Il patriottismo è l'ultimo rifugio di una canaglia

La frase,  di Samuel Johnson,  viene citata  da Kirk Douglas nel film di Stanley Kubrik,  Orizzonti di Gloria

Sapete come si chiama il sindaco di Genova?

Non lo sapete?  Strano,  perchè due giorni fa,  a Genova,  è successa una tragedia disumana e, soprattutto,  evitabilissima.  Un anziano signore è caduto in una voragine enorme ed è morto . La voragine si era aperta circa due anni fa,  ma fino ad oggi nessuno l'ha riparata.

Se fosse successo a Roma , da due giorni ci sarebbe, giustamente,  una campagna di crocifissione a mezzo stampa , della sindaca Raggi.
Qui,  niente.  Il sindaco  può dormire sogni tranquilli.  Nessuno lo accusa di niente. E si,  il sindaco non è un grillino incapace ed inesperto,  no,  Marco Bucci è un esponente capace ed esperto del centrodestra eletto nel giugno 2017 con il 56% dei voti.

Accadde oggi: la strage di Sharpeville

Il 21 marzo 1960 a Sharpeville, in Sudafrica, la polizia sparò contro una folla di neri che protestavano contro la discriminazione. Vennero uccise 69 persone.
Da quel momento il 21 marzo  di ogni anno é il giorno dedicato alla lotta contro ogni forma di  discriminazione.

domenica 18 marzo 2018

Sei di sinistra se…..

L'ex presidente dell'Ecuador Rafael Correa
E' la quarta volta che in questo blog pubblichiamo questo articolo, che ad ogni pubblicazione  viene aggiornato grazie ai suggerimenti dei lettori.

Da un po’ di tempo corre la voce, mai smentita, che il comunismo non esista più. Anzi “la sinistra” non esiste più. Che destra e sinistra siano retaggi del passato che non riescono più ad interpretare la realtà. Corre voce che la sinistra sia sbandata ed alla ricerca di una identità, di una terza via (ricordate Blair e Clinton? e Veltroni?) perché non riesce più ad individuare dei valori attorno cui aggregarsi.Valori in cui un tempo si credeva, valori per i quali si lottava e si moriva. C’erano gli operai, c’erano le imprese nazionalizzate, c’era l’Unione Sovietica, c’era Bologna e c’era Peppone.
Ma, a parte Peppone e l’Unione Sovietica, le altre cose ci sono ancora e, detto questo, scopriamo che i valori per cui lottare e in cui identificarsi a sinistra non solo permangono, ma si sono addirittura moltiplicati e diversificati.
Riprendendo, modificandolo, un recente noto incipit, vorrei indicare quelli che secondo me sono i modelli cui deve ispirarsi uno che si senta ancora e sempre di sinistra (e perché no, comunista) e dimostrare alla delusa e imborghesita popolazione di sinistra che forse quello che è cambiato non è la sinistra. Sono cambiati loro. Rassegnatevi: non siete più di sinistra. Semplice no?

Sei di sinistra se pensi che gli operai sfruttati ci siano sempre e che a questi si siano aggiunti, per esempio, gli operatori dei call center, gli insegnanti, gli impiegati, gli immigrati, i contadini, le commesse ed i commessi dei negozi.....….
Sei di sinistra se pensi che i moderati siano quelli che chiedono la pace senza se e senza ma e non quelli che appoggiano le guerre giuste e preventive 
Sei di sinistra se pensi che il partito democratico non sia di sinistra
Sei di sinistra se paghi tutte le tasse cercando di combattere non per ridurle, ma per ottenere servizi migliori per tutti
Sei di sinistra se credi che gli Stati Uniti abbiano appoggiato tutti regimi fascisti del sud America
Sei di sinistra se credi che gli operai debbano contribuire a decidere il destino della azienda in cui lavorano
Sei di sinistra se pensi che con la cultura "si mangia"
Sei di sinistra se credi che i servizi segreti non debbano essere segreti 
Sei di sinistra se pensi che le Università debbano essere liberate dai baronibaroni
Sei di sinistra se sei favorevole allo ius soli (leggi anche qui)
Sei di sinistra se ritieni che la protezione dell’ambiente sia una priorità e non una esagerata e dannosa forma di integralismo ecologista che blocca il progresso
Sei di sinistra se pensi che gli eserciti di tutte le nazioni dovrebbero rimanere a casa propria
Sei di sinistra se pensi che Emma Bonino non sia di sinistra
Sei di sinistra se pensi che la teoria della liberazione sia stata la corrente teologica più vicina agli insegnamenti cristiani di uguaglianza e solidarietà
Sei di sinistra se pensi che gli immigrati abbiano gli stessi diritti e doveri nostri e che siamo tutti cittadini di un mondo dove quelli più fortunati e ricchi (come noi) debbano sentire il dovere (e il piacere) di aiutare e di accogliere i più sfortunati e poveri
Sei di sinistra se pensi che i lavoratori del terzo millennio abbiano diritto ad una riduzione dell’orario di lavoro ed a più tempo libero da dedicare a se stessi , alla famiglia, agli altri
Sei di sinistra se pensi che l’etica ed il rispetto delle regole siano indispensabili in una società civile
Sei di sinistra se preferisci la bicicletta al SUV
Sei di sinistra se pensi che i marciapiedi li debbano usare solo i pedoni
Sei di sinistra se pensi che la gestione dell’acqua debba rimanere pubblica
Sei di sinistra se pensi che i servizi essenziali debbano essere gestiti dallo stato
Sei di sinistra se preferisci la puntualità, l'efficienza e la pulizia di tutti i treni italiani alla TAV
Sei di sinistra se non vuoi il ponte sullo stretto di Messina, la TAV , il MUOS e le centrali nucleari
Sei di sinistra se costringi le banche a concedere mutui agevolati agli imprenditori onesti e capaci ed alle giovani coppie che vogliano avere una casa
Sei di sinistra se pensi che la (spesso esagerata ed ingiustificata) lotta al terrorismo internazionale sia una scusa per affermare il neo imperialismo statunitense nel mondo
Sei di sinistra se pensi che i deputati debbano essere tutti onesti, incensurati, capaci ed altruisti
Sei di sinistra se pensi che lo Stato debba aiutare le donne che decidano di fare un bambino  sopratutto se sono donne lavoratrici aiutandole a vivere bene e senza rischi i due aspetti  della loro vita (madre  e lavoratrice);
Sei di sinistra se pensi che i giudici non siano comunisti, ma soltanto giudici
Sei di sinistra se pensi che la pubblicità ti stia massacrando il cervello
Sei di sinistra se pensi che Andreotti era veramente colluso con il potere mafioso
Sei di sinistra se pensi che Stalin era solo un feroce dittatore e non un esempio di leader comunista
Sei di sinistra se pensi che gli insegnanti debbano essere pagati il doppio
Sei di sinistra se pensi che Istraele agisca in Palestina in modo feroce, calpestando giornalmente i diritti umani del popolo palestinese
Sei di sinistra se pensi sia meglio la salumeria sotto casa rispetto al centro commerciale sulla tangenziale
Sei di sinistra se pensi che i tutti i carcerati debbano esere trattati meglio e non solo quando tra di essi c'è un colletto bianco
Sei di sinistra se la lotta alla evasione fiscale la si debba fare per davvero e non solo a parole
Sei di sinistra se pensi che la scuola pubblica sia meglio di quella privata
Sei di sinistra se pensi che il matrimonio tra omosessuali  siano una conquista di civiltà
Sei di sinistra se pensi che se i cattolici leggessero e vivessero il vangelo sarebbero anche loro di sinistra (quelli che non lo sono già)
Sei di sinistra se pensi che lo stato debba essere fortemente laico
Sei di sinistra se pensi che non tutto sia giustificabile con la scusa che "si deve fare per creare posti di lavoro" .. a qualunque costo, senza considerare alternative sostenibili che diano uguale o più lavoro.
Sei di sinistra se pensi che Renzi e Grasso ed il PD non siano di sinistra e forse non lo siano mai state
Sei di sinistra se pensi che la pubblicità in tve sul web debba essere fortemente ridimensionata
Sei di sinistra se pensi che la televisione pubblica non debba seguire le logiche del mercato
Sei di sinistra se pensi che l'ora di Religione debba essere sostituita dall'ora delle Religioni
Sei di sinistra se pensi che dobbiamo quantomeno dimezzare tutte le spese militari , s eno addirittura eliminare l'esercito come ha già fatto il Costa Rica
Sei di sinistra se pensi che gli USA siano il veto stato canaglia
Sei di sinistra  se sei contro ogni forma di condono
Sei di sinistra se sei per l'abolizione dei Patti Lateranensi
Sei di sinistra se olivetti rappresenta il tuo modello di imprenditore
Sei di sinistra se pensi che Moro non sia stato ucciso dai comunisti,  ma dal sistema e dalla CIA per fermare la ascesa al potete del PCI
Sei di sinistra se pensi che chi sostiene che non esistono più destra e sinistra non sia di sinistra
Sei di sinistra se consenti ai lavoratori di andare in pensione a 55 - 60 anni consentendogli di vivere in salute ed in forze un bel pezzo della loro vita e lasciando ai giovani i posti di lavoro che necessitano di vitalità, intraprendenza, creatività, voglia di rischiare, spirito di iniziativa e gioia di vivere
Sei di sinistra se
 ritieni che il PIL sia un indice sbagliato per misurare il benessere di un popolo
Sei di sinistra se invii alla trazzera altri motivi per sentirsi di sinistra . Usa il comando “commenti” o la email : latrazzera@libero.it

p.s. potete non condividere tutto, ma potreste anche non essere di sinistra!


giovedì 15 marzo 2018

Sull'orlo di una catastrofica crisi mondiale?

Il mondo si avvicina all'esplosione di un grave conflitto?
Due recenti fatti lo suggeriscono:  la sostituzione del segretario di stato  americano Rex Tillerson con il capo della CIA , il falco Mike Pompeo e le accuse della Gran Bretagna a Putin per l'omicidio ( o il tentato omicidio)  , avvenuto a Londra, di Sergej Skripal .

La ex  spia russa al servizio della Regina,  che da tempo vive in Inghilterra,   sarebbe stato avvelenato utilizzando un gas nervino di fabbricazione russa.Questa la versione di Londra.  La GB ha subito dato la colpa al governo russo cacciando dal suolo inglese 22 diplomatici di Mosca.

Tutto fa pensare che il fatto sia una messa in scena del Governo inglese e degli Americani,  alleati storici dei britannici,  per incolpare la Russia di Putin e scatenare l'inferno. Penso infatti che se i servizi segreti di Mosca, avessero voluto uccidere Skripal (e perchè poi?),  innanzi tutto ci sarebbero riusciti e, soprattutto,  non avrebbero certo utilizzato un veleno di fabbricazione russa.  Un indizio troppo palese.  Sarebbero stati  degli idioti! 
Yulia e Sergej Skripal


Sempre secondo la versione di Londra,  il gas sarebbe stato messo nella valigia della figlia di Skripal che  arrivava  a Londra con un volo da Mosca. Bene,  come  potevano essere sicuri che la signorina  Skripal avrebbe aperto la  valigia alla presenza del padre?

  Diciamo che è un azzardo bello grosso fidarsi di questa circostanza. Senza considerare che sembrerebbe molo difficile se non impossibile riuscire a introdurre ed a contenere questo gas in una valigia senza correre il rischio di avvelenare un numero enorme di persone innocenti.  E non dimentichiamoci che il sospettato Putin era il capo del famigerato KGB. Che organizzi un assassinio in questo modo goliardico,  mi pare di poterlo escludere. 

 Insomma tutto conduce verso  l'ipotesi di una ridicola messa in scena per tonti  che potrebbe avere  conseguenze catastrofiche,  ma auspicate e perseguite da USA e GB. Che hanno ovviamente ricevuto la solidarietà di Germania,  Francia e NATO. La solita cricca

Clicca qui per saperne di più

lunedì 12 marzo 2018

La storia dei Càtari, sterminati dalla Chiesa Cattolica

La storia della Chiesa Cattolica è piena di Santi, Martiri, Papi buoni e opere di carità ; ma anche di guerre e abomini commessi ai danni dei non credenti o dei credenti non ortodossi. Si, la storia e la attualità ci insegnano che quasi sempre le guerre, le invasioni, i genocidi ed in genere i grandi crimini di massa perpetrati sotto la falsa motivazione religiosa, erano in effetti spinti da interessi temporali quali quelli economici ed egemonici.

Non vogliamo quindi criticare la fede cristiana o la Chiesa cattolica , ma l 'uso che di esse si è fatto , nel corso della storia, per giustificare efferati crimini.

Tutto ha avuto inizio quando  l'editto di Costantino  (313 dc) e quello di Tessalonica (380 dc)  trasformarono  il cristianesimo in religione di stato. Fino ad allora i cristiani era stati perseguitati in quanto con il loro credo mettevano a rischio l'autorità di Roma.

Da quel momento , diventando il cristianesimo religione di Stato, lo stesso poteva essere utilizzato come alibi per guerre ,invasioni , occupazioni, conquiste ed esecuzioni che  nulla avevano di religioso non esistendo nel Nuovo Testamento alcun elemento che giustificasse una guerra santa o una guerra giusta. No, il Vangelo non contempla tra i suoi metodi di conversione  l'uso della violenza.

Facciamo un balzo in avanti di quasi 900 anni e spostiamoci nella Francia meridionale. La Provenza medievale era una regione molto diversa dai territori del nord. La Provenza era stata influenzata dalle culture mediterranee (greca, romana e islamica) che avevano arricchito l'humus sociale , le menti il senso civico e democratico. Il nord, invece, era molto più arretrato culturalmente e legato ad una Chiesa cattolica che , a quei tempi, era pervasa dalla ortodossia più conservatrice, ortodossia che sarà poi alla base della nascita della inquisizione.

 Una chiesa cattolica che, essendo di fatto la vera e unica erede dell'impero romano , aveva con nonchalance,  arrogato a se sia il potere spirituale  di Pietro che quello temporale dei Cesari, contraddicendo uno dei pilastri dello stesso insegnamento evangelico che deriva dalle frasi "date a Cesare quello che è di Cesare ed a Dio quello che è di Dio"  e "il mio regno non è di questo mondo".

La vita spesso lussuriosa del ricco clero medievale , unita alla ferocia dei nobili protetti dalla chiesa di Roma ed alla estrema povertà del popolo, portarono in molte regioni europee alla nascita di gruppi di cristiani che volevano riscoprire l'originale messaggio evangelico fatto di povertà, umiltà e carità che si opponevano ai fasti ed ai costumi del clero e dei vassalli cattolici.
Papa Innocenzo III

I Càtari (dal gr. καϑαρός «puro») erano uno di questi gruppi che si svilupparono appunto , nella Francia meridionale e il loro credo si stava diffondendo coinvolgendo spesso gli stessi nobili detentori del potere temporale della regione.
Fu a quello punto che la Chiesa si mosse. Così come la chiesa stessa aveva abusato del potere temporale giustificato dal primato spirituale , anche i Càtari potevano ottenere lo stesso risultato sottraendo alla Chiesa di Roma il potere in quelle regioni, potere tenuto tramite i nobili cattolici della Francia.

E si mosse lanciando una sanguinosa crociata contro l'eresia Catara, ma allo stesso tempo permettendo al cattolico Re di Francia di piegare il nascente spirito autonomista della colta Provenza.

Il momento più drammatico della crociata promossa dal papa Innocenzo III avvenne a Beziers. la città fu assediata e conquistata e Il 22 luglio 1209 data al fuoco provocando la morte di oltre 20.000 civili rei di avere abbracciato o difeso il pensiero  dei càtari.

Il libro di Ernest Fornairon, che vedete in foto , fornisce una dettagliata lettura di quel periodo e dei motivi che portarono alla sanguinosa Crociata di Papa Innocenzo III

mercoledì 7 marzo 2018

La stanza dei lumini rossi

"figura della vecchia e la stanza del mistero resteranno a lungo nella nostra memoria”.
Goffredo Fofi, Panorama
In una Palermo fantasmatica, assolata e sciroccosa, il giovane barman Saverio prende in affitto un appartamento da una vecchia e scontrosa signora, che manifesta sin da subito attenzioni morbose e inaspettate e sospette gentilezze

Sul luogo di lavoro, il ragazzo conosce un’attraente donna settentrionale, una femme fatale che pian piano lo inviluppa, approfittando della sua buona fede.

Da un lato l’estate torrida di una città svuotata, dall’altro le viscere di un palazzo dove regnano oscurità e mistero, fino al precipitare turbinoso degli eventi.
La descrizione degli ambienti fa di Domenico Conoscenti un abilissimo creatore di atmosfere, da apparentare agli scrittori della migliore tradizione gotica (Hoffmann e soprattutto a Poe) più che alla “scuola” siciliana.
La stanza dei lumini rossi (prima edizione  1997), qui riproposto in un’edizione rivista dall’autore e con un testo inedito ai margini del romanzo, è stato pubblicato in Germania da Berlin Verlag nel 1999 e ha vinto il Premio Savarese nel 2001.

LA STANZA DEI LUMINI ROSSI (ed Palindromo) È NELLA CINQUINA DI MODUS LEGENDI 2018.
AIUTACI A FAR DIVENTARE IL LIBRO  UN CASO EDITORIALE E A MANDARLO IN CLASSIFICA VOTANDOLO A QUESTO LINK: ultimapagina.net/forum
BASTANO POCHI CLICK E LOGGARSI AL SITO TRAMITE FACEBOOK, TWITTER O UN ACCOUNT GOOGLE!
Le votazioni si chiuderanno domenica 11 marzo alle ore 24.00

martedì 6 marzo 2018

Elezioni 2018, vuoi vedere che ha vinto Renzi?

Le elezioni sono alle spalle ed i risultati sono chiari. I vincitori sono stati Di  Maio e Salvini anche se l'uno ha raggiunto il 32% e l'altro solo il 17%.
In pratica Salvini ha solo vinto la leadership del centrodestra, mentre Di Maio ha vinto le elezioni politiche.

Ma sia il centrodestra che il M5S non hanno possibilitá, da soli, di formare un governo; al cdx mancano circa 60 seggi, a Di Maio  circa 90, ma con una differenza: il cdx é una coalizione di 4 partíti con 4 leaders e 4 programmi differenti , il M5S  è un solo partito ed ha quindi maggior compattezza ed autonomia di manovra.

 L' unico partito che può fornire questo paccheto di seggi è il PD di Renzi che, da sconfitto, si trasforma in ago della bilancia indispensabile per la formazione del governo . Esattamente come fu il PSI di Craxi che diventò addirittura premier.
Resta invece non prevedibile lo scenario in caso di frammentazione dei due poli meno coesi come il cdx e un PD che,  sul fronte  interno, cova  una ennesima scissione tra Renziani ed anti Renziani.
Insomma, vuoi  vedere che il vero vincitore di queste elezioni é proprio Renzi?


Un aspetto che nessuno ha notato è l'effetto del bollino antifrode. Nelle recentissime elezioni regionali in Sicilia (novembre 2017) il centrodestra di Berlusconi ha ottenuto un grande successo con l'elezione del Presidente (Musumeci) e con un risultato vicino al 40%.

Dopo appena 4 mesi la cifra del cdx è crollata al 30%. Che sia mancato il voto clientelare e di scambio?

P.S. primo effetto del  Salvini day : a Padova bruciata la porta di una moschea!

pippo vinci

sabato 3 marzo 2018

Accadde oggi: la strage di Balvano, il più grave disastro ferroviario italiano

Italia, anno 1944. La guerra è in pieno svolgimento, gli alleati stanno liberando il sud dalle truppe tedesche.
La popolazione è stremata, fame e miseria dilagano e si sommano ai lutti ed agli orrori  di una guerra disastrosa. Dalle città molte persone si spostano verso le campagne per trovar un po' di cibo da acquistare tramite il baratto. leggi tutto

Manifestazione conclusiva di potere al popolo

La campagna elettorale si è conclusa, noi vogliamo mostrarvi la manifestazione finale del partito dei comunisti Potere al Popolo. Tra i partecipanti alla kermesse il vignettista Vauro, il giornalista Lucio Manisco, il regista e cantautore Paolo Pietrangeli ed il portavoce del partito, Vera Garofalo. Clicca sull' immagine è segui lo spettacolo

giovedì 1 marzo 2018

Sondaggi elettorali.Ecco perchè non ci possiamo fidare

In vista della imminente scadenza elettorale , da qualche giorno non possono più essere divulgati i dati dei sondaggi elettorali. E quindi chi vuole avere una idea dei risultati del 4 marzo , deve affidarsi agli ultimi dati conosciuti risalenti al 16 febbraio scorso.
Che sono i seguenti:

Movimento 5 Stelle (28%) - Partito democratico (23%) - Forza Italia (16%) - Lega con Salvini (15%) - Liberi e Uguali (5%) - Fratelli d'Italia(5%) - Più Europa (3%) - Potere al Popolo (2%)

Tutti si chiedono se questi numeri siano o meno attendibili. Per scoprirlo bisognerà aspettare i risultati  del 5 marzo, ma una idea possiamo farcela confrontando sondaggi e risultati delle ultime elezioni politiche tenutesi nel febbraio 2013. Prendiamo  solo i risultati dei partiti più rappresentativi . I dati sono arrotondati.

Partito (dato medio sondaggi) / (Risultato elettorale) / (Differenza)

Coalizione centrosinistra (38% / 29% / - 9%)
Coalizione centrodestra (27% / 29% / + 2%)
Movimento 5  Stelle (16% / 25% / +9%)
Mario Monti (15% / 10% / - 5%)
Rivoluzione civile (4% / 2% / - 2%)

Come si può notare, tra le previsioni e i risultati le differenze furono notevoli . Addirittura clamorose per  il centrosinistra (-9%), per il Movimento di Grillo (+9%) e per la lista di Mario Monti (-5%).
Nella imminente sessione elettorale , quindi , potremmo aspettarci le stesse sorprese che potrebbero portare proprio i 5 Stelle ad ottenere un clamoroso risultato, soprattutto se supportato dai dati sui collegi uninominali.

lunedì 26 febbraio 2018

Prima i giudei!

Il leader della lega Matteo Salvini ieri durante un comizio ha "brandito" il Vangelo ed una catenina del rosario  invitando i cittadini a votare la Lega al grido di "prima gli italiani"

Chiedo quindi al sig Salvini se nel vangelo, che probabilmente non ha mai aperto e che in ogni caso non ha capito,  ha mai letto  di Gesù che dice "prima i giudei"

La Bufala messicana dei 43 euro

La notizia ė stata diramata da tutti i media senza che nessuno abbia notato la sua assurdità . I tre napoletani scomparsi in Messico, sarebbero stati venduti dalla polizia locale ai narcotrafficanti, per una somma pari a 43 euro!
Capito ? 43 euro!!!

Ogni persona sana di mente capisce bene che il fatto suona strano. Insomma, i poliziotti coinvolti sono almeno tre oltre al comandante locale che si è reso irreperibile. Non è logico credere che la somma sia stata di soli 43 euro, o che si sia trattato di una  semplice " vendita" di ostaggi, ma tutti si ammuccano* la notizia senza  dubitare. D'altronde lo ha detto il Tg!!

Sembra più ovvio ritenere che i poliziotti siano stati "obbligati" dai narcos a compiere questo rapimento per loro, o che i poliziotti siano collusi con la mafia locale. Mafia che controlla la vendita abusiva dei generatori elettrici , stesso "mestiere" esercitato dai tre napoletani.

I generatori, peraltro, erano spacciati come di provenienza tedesca , mentre  di fatto erano di fabbricazione cinese.
Insomma una guerra tra bande di trafficanti.

Ma in Italia, invece, fa più notizia la cazzata dei 43 euro!
Potenza dei media.
Insomma  la storia è sempre la stessa : quello che dice la TV , quello che scrivono i giornali è sempre  e comunque vero! E chi ne dubita è uno sciocco complottista.



* si ammuccano = si bevono

giovedì 22 febbraio 2018

Campagna elettorale: tutti contro M5S, e i comunisti rialzano la testa


Come sanno tutti quelli che mi conoscono, io darò il voto al partito più a sinistra che si presenterà a queste elezioni, al partito che non faccia una campagna elettorale con un elenco di promesse scoordinate . Al partito che proporrà una visione della società più equa, più giusta, più vicina ai deboli. Al partito  che favorisca la cosa  pubblica (scuola , sanità , energia, acqua ecc)  sforzandosi di migliorarne l' efficienza. Al partito che odia le guerre (anche quelle cosiddette giuste)  che tolga i soldi alle forze armate ed ha chi ne ha troppi e li destini al welfare ed  a chi ne ha troppo pochi. Al partito più cristiano che ci sia. Al partito che combatta con fermezza mafia , corruzione ed evasione fiscale. Solo così ,secondo me, si potrà avere una società più giusta ed una economia più forte.
Un partito che purtroppo rischia di non eleggere alcun parlamentare, lo so, ma io seguo le mie idee e la mia coscienza.
 Non voglio più turarmi il naso quando voto! Voglio riprendere a respirare.

Detto questo non posso però non evidenziare che  in questa campagna elettorale si parla pochissimo dei temi sopra indicati mentre si preferisce attaccare e denigrare il partito che fa più paura : il  Movimento 5 Stelle. All' inizio (fase 1), ci sono state  le promesse come Flat tax, abolizione Fornero, uscita dall'Euro, università gratuita, caccia all'immigrato, prima gli italiani, reintroduzione art 18, reddito di cittadinanza, 80 euro a tutti, pensioni minime a 1000 euro, riduzione delle im
poste, abolizione del bollo auto e del canone RAI, aiuti all'Africa per ridurre l'immigrazione, aumenti (ridicoli) ai dipendenti pubblici, abolizione del Jobs Act,  abolizione del l'obbligo vaccinale, aumento aiuti alle imprese, ponte sullo stretto ecc ecc ecc

Poi inizia è iniziata la  fase due: demonizzazione del movimento di Di Maio, Grillo e Casaleggio prendendo spunto dalla notizia che una decina di parlamentari grillini, sugli oltre cento, non hanno donato tutti i soldi promessi, al fondo per le piccole imprese. L'uso del termine rimborsopoli è una perversa e strumentale trovata giornalistica tendente a criminalizzare chi semplicemente non ha fatto una donazione volontaria.

Giorgio Cremaschi
Insomma considerato che le balle sulle promesse non hanno funzionato e che i grillini mantenevano il primato nei sondaggi, ecco che li si attacca sul piano morale: i vostri deputai non hanno mantenuto la promessa e voi leader non siete stati capaci di controllare; quindi siete immorali e incapaci ... Anche se Onesti.

Considerando poi che  i critici non si curano di candidare indagati e condannati per reati penali o contro la pubblica amministrazione, quello che ne risulta è che per Forza Italia, Pd, Lega e Fratelli d'Italia l'onestà non è un valore primario. Insomma meglio capaci e disonesti che onesti ed incapaci.

Ben, fermo restando che fino ad oggi abbiamo visto governare ( o essere eletta) gente spesso incapace , disonesta e immorale, ergo che  questi politici eterni ,  preferiscono comunque l'uomo ,presumibilmente capace, all'uomo sicuramente onesto.

Per fare un paradosso, si preferirebbe un Totò Riina al Parlamento ( sicuramente disonesto  ma altrettanto sicuramente capace) a un Biagio Conte (sicuramente onesto,  ma solo probabilmente capace) Se qualcuno non fosse d'accordo sulle capacità "politiche" del boss di Cosa Nostra, chiedo di immaginare quanto sia complicato gestire una organizzazione criminale e mondiale come la mafia. Ma già gli italiani hanno dimostrato di preferire i disonesti probabilmente capaci  come il cavaliere di Arcore Silvio Berlusconi. E se qualcuno non fosse d accordo sulle incaoacità di B , andatevi ad informare correttamente come questo signore abbia costruito il suo impero politico/ imprenditoriale partendo da una impresa sull'orlo del fallimento.

Beh, io credo che il vero impegno sia quello di mandare in parlamento gente  onesta e capace e che le strade per riuscirvi siano solo due : o si cercano uomini onesti tra i sicuramente capaci o si cercano uomini capaci tra i sicuramente  onesti.

domenica 18 febbraio 2018

I'italiano di Stanlio e Ollio

I film di Stanlio e Ollio sono stati e sono ancora tra i film comici più divertenti della storia del cinema, tanto che non ci si stanca mai di vederli e rivederli anche dieci volte. Uno dei fattori di successo di questi film , in Italia, è stato sicuramente il loro modo di parlare in italiano,  un italiano  con accento inglese, e spesso storpiato (arrivedorci) o con accenti non ortodossi (stupìdo)

Molti di noi, io compreso, abbiamo attribuito questo modo di parlare , ad una geniale  invenzione  del doppiaggio italiano per rendere i dialoghi più divertenti.
Invece no, non è stato ne' un artifizio, ne' una invenzione italiana.

Quando uscirono i film del duo comico anglo-americano, il doppiaggio non era ancora stato inventato, quindi , dovendo distribuire i film in varie parti del mondo non anglofone, i due comici dovettero girare le scene tante volte quante erano le lingue da registrare. Lo facevano  con l'aiuto di grossi cartelli con su scritta la pronuncia in italiano, in francese, in spagnolo e in tedesco dei dialoghi.
I personaggi secondari, invece, venivano sostituiti da attori di diversa madre lingua.

Ebbene Stan Laurel e Oliver  Hardy, quando recitavano in italiano, parlavano un italiano con accento inglese e con diverse storpiature e cambi di accento. Certo sarebbe bello rivedere i film con la pronuncia italiana originale e godere anche nell'ascoltare  la vera voce dei due attori.

All'arrivo del doppiaggio in Italia , quindi, i doppiatori non fecero altro che imitare l'italiano parlato da Stanlio e Ollio.
I primi doppiatori italiani furono Derek Allen (Stanlio) e Paolo Canali (Ollio), mentre la voce più famosa e riuscita fu quella che Alberto Sordi diede a Ollio dal 1939 al 1951, sostituita da quella di Carlo Croccolo dal 1951 al 1953.

pippo vinci

venerdì 16 febbraio 2018

genialità e potere

Da che mondo è mondo chi ha fatto andare avanti le cose senza aspettare che le stesse maturassero da sole, sono state le grandi intuizioni, i colpi di genio, la fantasia, l'idea geniale.
In ogni luogo di lavoro sono proprio le idee nuove ed originali che spesso fanno fare il salto di qualità. Non sempre è così. Ma spesso lo è.
Il genio, come è ovvio, non è legato al titolo di studio o al potere, ma determinato principalmente dal corredo genetico posseduto fin dal concepimento.

Ma l’idea geniale da sola non basta. Serve una filiera capace di credere in questa idea e di metterla in pratica. Avviarla nella “catena di montaggio” per rendere il prodotto finale migliore in senso lato.

Ed ecco il problema italiano: se l’idea viene dalle viscere di un uomo senza potere e visibilità, questa, 99 su 100, non viene neanche presa in considerazione. Per potere utilizzare una idea geniale questa deve venire in mente proprio dal capo. Il capo non accetterà mai di portare avanti una idea suggerita da un suo sottoposto. Ed un suo sottoposto, proprio per mettersi in luce cercherà di valorizzare oltre il lecito le intuizioni (anche se di basso profilo) del suo superiore.

Questa considerazione, legata a quella che si diventa capi non per meriti ma per “conoscenze” spiega il perchè l’Italia stia perdendo drammaticamente posizioni in tutte le classifiche mondiali di qualità: qualità della vita, qualità dei prodotti, qualità dell’informazione, sistema educativo, competitività nei mercati, legalità, solidarietà e ambiente.

Per dirla in modo semplice chi comanda in Italia è generalmente gente raccomandata e presuntuosa che pensa solo a fare carriera non con la qualità delle sue decisioni ma con la qualità delle sue amicizie.

E’ quindi deleterio diffondere la notizia che tra i suoi sudditi ci sono persone più intelligenti e capaci di lui e piuttosto che dare a queste persone modo di contribuire alle decisioni, si preferisce lasciarle nell’ombra, emarginarle

Eppure il vero lavoro di un dirigente non è quello di farsi bello (e non bravo) davanti al suo datore di lavoro, ma quello di migliorare l’organizzazione delle attività che dirige in modo tale da dare a tutti la possibilità e la opportunità di contribuire alla crescita dell’intero sistema

amedeo contino

lunedì 12 febbraio 2018

ama te stesso come .......la cacca!


Già qualche anno fa ebbi modo di elaborare una teoria relativa alla durata delle relazioni di coppia.

In breve : visto che l'uomo è uno stronzo e la donna una rompipalle, una relazione durerà solo se lui si "accollerà" di avere accanto una rompiscatole e lei si "assupperà" la compagnia di uno uno stronzo.

Passano pochi anni ed ecco che viene pubblicato un saggio sull'argomento dal titolo preso paro paro dalla mia teoria.

L'ho letto, ma l'autore oltre a sciorinare le varie e note differenze tra i sessi dà una ricetta diversa dalla mia.

Eccola: visto che l'essere stronzi o rompipalle sono condizioni connaturate nei due generi, il trucco è quello di accettarsi tali. Quindi l'uomo non dovrà fare finta di non essere stronzo, ma dovrà esercitare la sua peculiartità in piena pace con se stesso. Lo stesso farà la donna: rompicoglioni convinta e manifesta!

per dare corpo a tale ipotesi nel libro viene narrata questa gustosa (!) barzelletta:

due amici si incontrano
A: ciao, come va?
B: beh, sai ho un problema, mi caco adosso!
A: in effetti un brutto problema; hai visitato qualche medico?
B: si, certo, ma l'ultimo mi ha suggerito di consultare uno psicologo.

passa quanche mese e i due amici si rivedono
A: ciao, hai risolto il tuo problema.
B: certo, ora sto da Dio!
A: bene, quindi non ti cachi più addosso!
B: no, no ti sbagli: mi caco sempre addosso, ma non me ne frega niente!

amedeo contino