lunedì 10 luglio 2017

i "complotti" dei complottisti

     
Nella storia recente sono accaduti dei fatti che nascondono un mistero. O, meglio la cui versione ufficiale non convince tutti. A questo punto  la gente si divide in due fazioni: quelli che credono alla versione ufficiale e quelli che la contestano raccontando, a volte, una versione alternativa dei fatti.Questi ultimi sono chiamati complottisti

Ecco un breve elenco dei più importanti di questi fatti



a)   15/2/ 1898 l’affondamento del Maine
b)    7/12/1941 attacco dei giapponesi alla base di Pearl Harbour
c)   22/11/1963 assassinio di John Fitzgerald Kennedy
d)    4 /8/1964 Vietnam:  incidente del golfo del tonchino  
e)   20/7/1969 allunaggio dell’apollo 11
f)   11/9/ 2001 attacco alle torri gemelle di New York


 15 febbraio 1898 l’affondamento del Maine

            Versione ufficiale Era in corso la guerra tra Spagna e Cuba per la indipendenza dell’isola caraibica dall’occupazione ispanica. Il 5 febbraio 1898, al largo de l’Havana una nave da guerra statunitense (il Maine) esplose ed affondò. Morirono circa 200 marinai. Gli USA attribuirono l’incidente ad un attacco spagnolo ed entrarono nel conflitto, vinto il quale, ottennero come ricompensa, la baia di Guantanamo tutt’ora un possedimento USA.

        Versione complottista Gli Spagnoli  smentirono questa versione  dicendo che loro non ‘c’entravano nulla con quell’incidente. Perchè mai avrebbero dovuto coinvolgere nella guerra, contro loro stessi , una tale potenza militare? C’è anche da sottolineare (e si tenga presente anche per gli altri casi) che la Costituzione USA impedisce l’ingresso in guerra dell’armata stelle&strisce se gli stessi USA non subiscono un attacco



 7 dicembre 1941 attacco dei giapponesi alla base USA Pearl Harbour

         Versione ufficiale Era già scoppiata la 2^ guerra mondiale in Europa. Al mattino del 7 dicembre 1941 una intera flotta aereo navale giapponese attacca la base USA nel Pacifico: Pearl Harbour. Gli USA, sorpresi dall’evento, persero molte navi e circa 3000 uomini. Decisero quindi di dichiarare guerra al Giappone e quindi a tutti gli alleati dell’Asse (Germania, Giappone, Italia)

              Versione complottista. L’attacco giapponese ci fu davvero, ma gli USA erano a conoscenza del piano nipponico che, in parte avevano provocando stuzzicando i nipponici in varie circostanze nel pacifico. Questa versione è anche suffragata dal fatto che a Pearl Harbour non c’era nessuna unità navale di una certa importanza. Le tre portaerei presenti furono fatte allontanare con una scusa a molte miglia di distanza  episodio che è anche riportato nel famoso film di Hollywood Tora Tota Tora dove gli ammiragli delle tre navi allontanae obbedirono ma si mostrarono scettici ed increduli rispetto a questo ordine. Anche in questo caso gli USA, essendo stati attaccati, poterono dichiarare guerra al Giappone 


  
 22 novembre 1963 assassinio di John Fitzgerald Kennedy

            Versione ufficiale Dallas 22 novembre 1963, il Presidente USA  John Fitzgerald Kennedy sfila con la moglie Jakline per le vie di Dallas a bordo di una lussuosa macchina scoperta. Improvvisamente Kennedy venne colpito alla nuca da un colpo d’arma da fuoco e morì poche ore dopo in ospedale. Per tale assassinio fu individuato, come colpevole, un solo uomo Lee Osvald che avrebbe sparato con una carabina di precisione dalle finestre di una libreria posta lungo il tragitto presidenziale

       Versione complottista Numerose indagini indipendenti , testimonianze , libri e qualche film (il più famoso JFK di Oliver Stone  ) dimostrarono che Kennedy non fu ucciso da un solo colpo sparatogli alle spalle, ma da più colpi provenienti da diverse angolazioni. Osvald venne a sua volta ucciso in carcere 


D)   4 agosto 1964 Vietnam incidente del golfo del Tonchino

           Versione ufficiale  Il 4 agosto 1964 3 navi da guerra nord vietnamite attaccarono un convoglio militare USA nel golfo del Tonchino in Vietnam. Il giorno dopo Lindon Johnson (allora Presidente degli States e successore di J F Kennedy) dichiarò guerra ai comunisti del Vietnam del Nord

         Versione complottista I vietnamiti , invece, dichiararono che il fatto era una pura invenzione degli USA e che nessun incidente navale accadde in quella data




 20 luglio 1969 allunaggio dell’Apollo 11

            Versione ufficiale Dopo un volo di circa  tre giorni la navicella spaziale USA, Apollo 11, con tre uomini a bordo, raggiunge la luna. Dal convoglio si stacca un modulo lunare (il LEM) con 2 uomini ed il 20 luglio i due astronauti (Buzz Aldrin e Neil Armstrong) scendono sul suolo lunare, passeggiano, fanno foto, piantano il Vessillo USA sul suolo lunare ,eseguono alcuni esperimenti scientifici e tornano sulla navicella dove li aspettava un terzo astronauta (Collins) e trornano sulla terra sani e salvi

            Versione complottista Diverse sono le obiezioni a questa storia eccone alcune 1) l’uomo, a quell’epoca, non possedeva la tecnologia per questa impresa  2) la navicella spaziale, con i tre uomini  a bordo, non potevano attraversare le pericolose fasce di van allen interposte tra la terra e la luna 3) dall’esame delle foto, le ombre degli oggetti, degli uomini e delle rocce non sono parallele come dovrebbero essere essendoci una sola fonte di luce, il sole, distante oltre 150 milioni di chilometri 4) il modo di procedere degli astronauti sulla luna non ha niente di naturale; perché infatti dovrebbero fluttuare come se volasero, in fondo, pur con un gravità pari ad un sesto di quella terrestre ,gli astronauti, con tutto l’equipaggiamento, pesavano sempre 30-35 chilogrammi. Insomma i complottisti pensano che i fatti visti in tv siano stati girati in uno studio televisivo sulla terra e non provenissero in diretta dalla Luna. 



  11 settembre 2001 attacco alle torri gemelle di New York

           Versione ufficiale La mattina dell’11 settembre 2001 quattro aerei di linea vengono dirottati nei cieli della costa atlantica degli USA. Due si schiantano sui piani alti delle Twin Towers di New York che dopo circa un ora collassano uccidendo circa 3000 persone. Uno si schianta sul pentagono a Washngton, l’altro (diretto presumibilmente sulla  Casa Bianca) si schianta  a Shanksville in Pensilvania. In pochi giorni le indagini definiscono l’accaduto e incolpano 19 terroristi arabi quali autori del terribile evento, ed il loro capo Osama Bin Laden che che avrebbe organizzato e guidato l’attacco dall’Afghanistan. Gli USA dichiarano guerra all’Afghanistan e lo bombardano. Una guerra che è ancora in corso

       Versione complottista  1) non è possibile che 19 inesperti piloti (quali erano i sospettati attentatori) possano avere condotto 4 grossi aerei di linea in quel modo perfetto  e con quella precisioni 2) le torri non crollarono per l’impatto degli aerei ed i successivi incedi, le crolli (che alla fine risultarono 3 e non 2)  avvennero perché qualcuno aveva messo degli esplosivi lungo i pilastri degli edifici e nei sotterranei da cui provennero (secondo molti testimoni) numerose esplosioni 3) il terzo edificio crollato non fu neanche sfiorato dagli aerei , ma in esso si sviluppò un incendio che, da solo, non può giustificarne il crollo 4) sull’impatto del 3° aereo al Pentagono non c’è alcuna immagine filmata (se non una confusa ed indecifrabile) e questo è molto strano visto che il pentagono dovrebbe essere il luogo più controllato a mondo 5) al pentagono non si sono riscontrati evidenti resti di un aereo di linea 6) del volo precipitato a Skansville non ne è rimasta traccia. Il report ufficiale sostiene che lo stesso si si interrato e sia sparito nel sottosuolo.

Nessun commento: